Home » Google Analytics WordPress Guida
google analytics wordpress guida

Google Analytics WordPress Guida

Google analytics wordpress guida

Per la corretta gestione del proprio blog o sito web, è fondamentale sapere in che modo inserire Google Analytics in WordPress.

Infatti, nonostante in passato venivano utilizzate piattaforme differenti a questo scopo, al giorno d’oggi Google detiene il primato assoluto, posizionandosi come il miglior strumento per l’analisi dei dati.

Google Analytcs WordPress Guida

Cos’è Google Analytics

Google Analytics, è la soluzione più completa e semplice che abbiamo a disposizione per monitorare le visite degli utenti sul nostro sito

Inoltre, usufruendo dei dati raccolti saremo in grado di controllare una moltitudine di ulteriori dettagli, come ad esempio le pagine visitate, il tempo di permanenza, la frequenza di rimbalzo (in inglese bounce rate) i dispositivi utilizzati e gli obiettivi.

Questi ultimi saranno gli strumenti di analisi che ci permetteranno di isolare informazioni specifiche, evidenziandole in relazione a un preciso bisogno del progetto (es. tracciare le conversioni di un e-commerce)

A tal proposito, qualora volessimo essere a conoscenza di quanti utenti giungono alla nostra landing page, o come ci arrivano avremo la possibilità di ottenere questi dati sfruttando gli obbiettivi di destinazione.

Tuttavia, per i neofiti in questo ambito sono presenti moltissimi quesiti differenti, tra i quali troviamo i seguenti al primo posto: dove si recupera il codice per l’inserimento di Google Analytics in WordPress? In che modo si installa? È meglio ricorrere a un apposito plugin per fondere queste due differenti realtà?

Rispondiamo insieme a tutte le domande in questa guida;

Come si collega Google Analytics a WordPress

Se ti stai chiedendo per quale motivo è fondamentale collegare Google Analytics a WordPress, è perché così avremo la possibilità di monitorare le visite e decidere di conseguenza quali strategie è meglio adottare per il nostro progetto.

Ma vediamo quindi come e dove si inserisce questa funzionalità su WordPress!

I metodi per permettere questo inserimento sono sostanzialmente 3, due decisamente più tecnici e l’altro più adatto a chi desidera semplificarsi il lavoro.

Il primo consiste nell’inserimento manuale del codice di tracciamento direttamente nelle pagine del nostro sito. Il secondo metodo, attraverso l’aggiunta di una funzione JS nel child theme. Diversamente, il terzo modo delega il compito ad appositi plugin di WordPress, ovvero delle estensioni che permettono di ottenere ciò che si desidera senza maneggiare attivamente e manualmente il codice.

Una moltitudine di utenti preferiscono impostare questo strumento di analisi senza introdurre elementi nuovi, mentre altri desiderano ottenere una piattaforma caratterizzata da una maggiore completezza direttamente integrata nella dashboard del proprio progetto web.

Proprio perché questi plugin non sono limitati alla sola aggiunte del codice di Google Analytics, ma offrono anche tutta una serie di ulteriori funzioni decisamente interessanti.

Vediamo dunque in modo più approfondito le tre diverse opzioni.

Inserire manualmente il codice di Google Analytics nel file header.php (sconsigliato)

Se vogliamo inserire Google Analytics in modo manuale e senza optare per alcun tipo di plugin è bene sottolineare che per inserire il codice a mano è fondamentale avere una certa esperienza nel campo, per cui è una pratica sconsigliata a tutti coloro che non hanno dimestichezza in questo ambito.

Inoltre, è consigliato testare prima le modifiche in un’area di staging (senza andare ad intaccare il sito live in caso di problemi).

Scegliendo questo metodo dovremo andare a inserire il codice ottenibile dal nostro account direttamente nel file header.php.

Per fare ciò dobbiamo collegarci all’account di Google Analytics, accedere alla sezione necessaria per l’ottenimento del codice, copiarlo e dopodiché recarci nella dashboard di WordPress.

Vediamo più nel dettaglio come si fa:

Effettuiamo l’accesso al nostro account Google Analytics
Scegliamo l’account che ci interessa direttamente dal menù;
Clicchiamo sull’icona “Amministrazione” e selezioniamo una proprietà:

  • Clicchiamo su Informazioni sul monitoraggio
  • Copiamo il codice
  • Accediamo infine alla dashboard di WordPress.

Quando ci troviamo sul CMS, nell’apposita voce “Aspetto” troveremo la voce “Editor del tema” e a destra vedremo il file header.php. Apriamo quindi quest’ultimo e incolliamo il codice fornito da Google Analytics subito prima della chiusura del tag .

Infine salviamo quanto effettuato.

Optando per questa soluzione avanzata avremo molte possibilità di personalizzazione. Infatti, potremo scegliere di eseguire il tracciamento sulle sole visite degli utenti non loggati.

Tuttavia, è consigliabile l’inserimento di un “filtro” per l’esclusione di tutto il traffico interno ed evitare che vengano registrate visite effettuate dal tuo browser.

Inserire manualmente il codice di Google Analytics nel tema Child (Consigliato)

Scegliendo l’inserimento manuale è consigliato l’utilizzo di un tema Child, cosicché il codice di tracciamento non venga sovrascritto tutte le volte in cui aggiorneremo il tema WordPress.

In quel caso, dovremmo aggiungere una funzione JS nel file functions.php (se non sai come fare, ti invito a contattarmi per una consulenza gratuita) andando a sostituire la voce in grassetto con il codice generato da Google Analytics.

/* Google Analytics */
add_action('wp_head', 'your_function');
function your_function(){
?>
Inserisci qui il tracking code
<?php
};

Come si può verificare che la procedura appena descritta sia stata svolta nel modo corretto?

Per fare ciò sarà sufficiente recarci nel codice sorgente accedendo a una pagina, cliccando con il tasto destro del mouse e selezionando dal menù a tendina Visualizza codice sorgente. Una volta qui, nella sezione dovremmo trovare tutti i riferimenti a Google Analytics.

Guida per aggiungere Google Analytics a WordPress utilizzando un plugin

Come accennato precedentemente, Google Analytics può essere aggiunto a WordPress anche utilizzando appositi plugin capaci di semplificarci decisamente il lavoro sul codice sorgente che inoltre ci permetteranno di sfruttare alcune funzioni aggiuntive.
Alcune ad esempio offrono la possibilità di monitorare le visite al nostro sito direttamente dalla dashboard.

Per aggiungere questi strumenti dovremo semplicemente recarci nella sezione dedicata alle estensioni e selezionare quella che più ci aggrada.

Tra questi strumenti, disponibili davvero in grandi quantità, voglio consigliartene alcuni:

  1. MonsterInsights
  2. ExactMetrics
  3. Analytify
  4. Google Analytics Plugin

Tuttavia, ti sconsiglio di utilizzare un plugin per tracciare le visite direttamente sul tuo sito. È sempre meglio fare riferimento alla dashboard ufficiale di Google Analytics, essendo più completa ed affidabile.

Conclusione

In conclusione possiamo quindi affermare che, l’aggiunta di Google Analytics al nostro progetto sul web risulterà di grandissima utilità al fine del monitoraggio attivo dell’attività e del traffico di utenza sul nostro blog o sito.

Inoltre la procedura per il suo corretto inserimento è davvero adatta a tutti, in particolar modo quella sfruttando i moltissimi plugin disponibili.

Hai bisogno di aiuto con WordPress?

Se hai bisogno di aiuto nella gestione del tuo sito WordPress, posso aiutarti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.